Sintesi > Provincia di Brescia > Servizi alla persona disabile > Modalità avviamento al lavoro disabili
Sintesi - la rete dei servizi per l'impiego
  vai al sito web della  Provincia di Brescia
vai Home Portale Sintesi
vai al sito del Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie
  | Home | Mappa | Contatti | Aiuto | Manuali\demo | Registrazione
  Operatività telematica>> | Datori lavoro | Cittadini | Operatori | Area personale | Login
  Servizi alla persona disabile * Modalità avviamento al lavoro disabili
CHI SIAMO
Presentazione
Home portale
Uffici
Politica della Qualità
Cpi e Ucm
Organi di partecipazione
OML
Osservatorio Mercato Lavoro
Pubblicazioni e
Monitoraggi
CITTADINI
Servizi
Bacheca pubblica
Offerte di Lavoro
Modulistica
Orientamento
DATORI DI LAVORO
Newsletter
Comunicazioni
La firma digitale
Comunicazioni
d'urgenza
Procedura di mobilità L.223\91
Prospetto
informativo L.68
Servizi
Modulistica
DISABILITA'
Newsletter
Piano disabili P.P.D
Bacheca pubblica
Offerte di Lavoro
La persona disabile
I datori di lavoro
PROGETTI
In corso
Conclusi
TIPOLOGIE DI LAVORO
Lavoro dipendente
Lavoro autonomo
Lavoro in cooperative
I tirocini o stage

BANDI E GARE

DEMO

MANUALI

MODULISTICA

NORMATIVA

NOVITA'/EVENTI




 
Modalità di avviamento al lavoro L.68/99 (a seguito delle modifiche del dlgs 151/2015)

Enti pubblici

Al fine dell'adempimento dell'obbligo di assunzione le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici non economici possono ricorrere alle seguenti modalità:

- Riserva nei concorsi:

Per le assunzioni tramite concorso (ai sensi dell'art. 35 comma 1 lettera A e comma 2, D. Lgs. 165/01), nel caso l'ente sia obbligato all'assunzione di persone disabili, i disabili partecipanti alla procedura selettiva hanno diritto alla riserva dei posti nella misura del 50% dei posti messi a concorso.
I bandi di concorso devono prevedere speciali modalità di svolgimento delle prove di esame, per consentire ai disabili di concorrere in condizione di parità con gli altri candidati.
I disabili che abbiano conseguito l'idoneità nei concorsi pubblici possono essere assunti, ai fini dell'adempimento dell'obbligo, anche se non versino in stato di disoccupazione ed oltre il limite dei posti ad essi riservati nei concorsi.
Normativa di riferimento: art. 16 L. 68/99

- Chiamata numerica:

La chiamata numerica degli iscritti nelle liste dell'Ufficio per il collocamento mirato, ai sensi dell'art. 7 comma 2 del DPR 333/00, art. 7 comma 2 della L. 68/99 e dell'art. 35 comma 1 lettera b e comma 2) del D. Lgs. 165/01, è tuttora possibile per gli enti pubblici.
In questo caso l'assunzione avviene in base all'ordine della graduatoria e alla qualifica richiesta, previa verifica, da parte del datore di lavoro, della compatibilità dell'invalidità con le mansioni da svolgere.
Questo tipo di chiamata è prevista limitatamente alla copertura di posti corrispondenti alle categorie A e B1 (ex qualifiche 3^ e 4^, per l'accesso alle quali non è previsto il concorso pubblico) e si effettua, presentando richiesta, direttamente all'ufficio collocamento mirato della provincia, specificando ruolo giuridico, qualifica richiesta e tipologia del contratto individuale.

- Chiamata nominativa mediante convenzione:

La L. 68/99 (ex art. 11 L. 68/99 e art. 7.4 DPR 333/2000) ha previsto la possibilità per gli Enti pubblici di stipulare apposita Convenzione di inserimento lavorativo o di integrazione lavorativa.
 


Aziende private ed Enti pubblici economici

I datori di lavoro privati che sono soggetti all'obbligo di assunzione di persone appartenenti alle categorie protette possono oggi ottemperare a tale impegno con una pluralità di istituti previsti dalla attuale normativa.
Al fine dell'adempimento dell'obbligo di assunzione le aziende private possono ricorrere alle seguenti modalità:

- Assunzione nominativa:

COS'E'
L'assunzione nominativa è la modalità di assunzione che permette al datore di lavoro di scegliere il lavoratore disabile da assumere alle proprie dipendenze. A tal fine il servizio Incontro-domanda-offerta della Provincia può agevolare la ricerca del personale, fornendo, a richiesta, un elenco selezionato di nomativi di persone disabili disponibili al lavoro residenti nella zona in cui l'azienda opera oppure inviando un profilo individuale di una persona avente caratteristiche idonee allo svolgimento della mansione prescelta dall'azienda.

COME PROCEDERE ALL'ASSUNZIONE
Per procedere all'assunzione del disabile è necessario seguire la seguente procedura:

I. Richiesta di nulla osta nominativo: ai sensi dell'art. 7 della L. 68/99 il datore di lavoro deve presentare preventiva richiesta di avviamento all'Ufficio per il collocamento mirato della Provincia di Brescia (Via Cefalonia, 50 - Brescia) utilizzando l'apposito modulo Richiesta nulla-osta nominativo, che deve scaricare dal sito (può compilarlo direttamente a video) e, successivamente, presentare all'ufficio, inviandolo per posta o anche via fax (030.3749781);

II. Rilascio del nulla-osta: l'Ufficio provvede ad emettere il nulla-osta, se ne ricorrono le condizioni, ed a inviarlo al datore di lavoro richiedente ed al lavoratore;

III. Comunicazione di assunzione: a seguito del rilascio da parte dell'Ufficio del nulla-osta per l'assunzione, l'azienda deve dare obbligatoriamente comunicazione, utilizzando l'apposito Modulo di comunicazione .

Nel periodo successivo all'assunzione il datore di lavoro deve dare comunicazione tempestivamente all'Ufficio per il collocamento mirato:
·della modifica del rapporto di lavoro inviando l'apposito Modulo di comunicazione.
·della cessazione del rapporto di lavoro, inviando nuova richiesta di avviamento entro 60 giorni dalla cessazione.

- Convenzioni art. 11:

L'abbandono della "cultura dell'obbligo" a favore del "collocamento mirato" ha determinato il riconoscimento dello strumento della CONVENZIONE, attraverso la quale l'ente pubblico e l'azienda privata definiscono un programma articolato e graduale mirante al conseguimento degli obblighi occupazionali.

Per informazioni dettagliate cliccare sul titolo.

- Convenzione art. 14

Accordo tra Provincia, datore di lavoro privato e cooperativa sociale di tipo B.

Per informazioni cliccare sul titolo.

- Avvio numerico:

Previsto d'ufficio laddove il datore di lavoro non ha rispettato gli adempimenti pianificati.

COS'E'

L'avvio numerico è previsto dalla L. 68/99 come strumento di inserimento lavorativo alternativo/integrativo all'assunzione nominativa ed è disposto d'ufficio dalla Provincia, sulla base dell'ordine della graduatoria delle persone iscritte disoccupate, valutando la compatibilità del soggetto con le mansioni aziendali disponibili.

Con le modifiche del dlgs 151/2015, è possibile attivare la procedura della chiamata per avviso pubblico, avviando solo le persone disabili interessate che aderiscono alla specifica offerta di lavoro, secondo l'ordine di posizione nella vigente graduatoria.

Nel caso l'azienda non proceda all'instaurazione del rapporto di lavoro, l'Ufficio della provincia è tenuto a segnalare la mancata assunzione alla Direzione Territoriale del Lavoro del Ministero del Lavoro per le attività di verifica e controllo assegnate agli organi ispettivi (sanzioni)

PRESUPPOSTI

L'invio del prospetto informativo equivale a richiesta di avviamento, per cui la Provincia, nel caso l'azienda presenti una situazione di scopertura e non abbia rispettando la pianificazione delle assunzioni, provvede secondo la graduatoria all'avvio numerico d'ufficio di lavoratori con la qualifica richiesta - come risultante dal Prospetto informativo e dall'esito delle rilevazioni delle mansioni effettuata ai sensi dell'art. 8 L. 68/99 - o con altra concordata con il datore di lavoro.

PROCEDURA

L'assunzione della persona disabile con avvio numerico segue la seguente procedura:
1.Emissione del nulla-osta: l'ufficio per il collocamento mirato dispone l'avvio numerico e provvede ad emettere il nulla-osta e ad inviarlo al datore di lavoro ed al lavoratore;
2.Comunicazione di assunzione: a seguito dell'emissione da parte dell'Ufficio provinciale del nulla-osta per l'assunzione, l'azienda deve dare obbligatoriamente entro 5 giorni dall'instaurazione del rapporto di lavoro comunicazione dell'assunzione medesima utilizzando l'apposito modulo Comunicazione di assunzione.
Nel periodo successivo all'assunzione il datore di lavoro deve dare comunicazione tempestivamente:
·della modifica del rapporto di lavoro inviando l'apposito modulo di Comunicazione di trasformazione/proroga.
·della cessazione del rapporto di lavoro inviando la richiesta di nuovo avviamento.

- Passaggio diretto:

A seguito di chiarimento richiesto all'Avvocatura dell'Amministrazione provinciale, le modalità di assunzione attraverso il PASSAGGIO DIRETTO sono ripristinate a partire dal giorno 1.12.2003 alle stesse condizioni, così come espresse dalla circolare ministeriale del 18 luglio 2002.

La procedura pertanto è la seguente:

1. Qualora un lavoratore assunto ai sensi della legge 68/99 o precedente, intenda migrare in nuova azienda senza soluzione di continuità, quest'ultima dovrà richiedere nulla osta al passaggio diretto mediante apposita modulistica predisposta dall'Ufficio provinciale.

2. L'Ufficio rilascerà il benestare alle seguenti condizioni:
- il rapporto con l'azienda dalla quale il lavoratore intende distaccarsi sia stato instaurato ai sensi delle norme che disciplinano il collocamento obbligatorio;
- il lavoratore deve avere svolto presso l'azienda cedente effettive prestazioni lavorative per un periodo non inferiore alla durata del periodo di prova stabilito nel contratto collettivo di lavoro applicabile;
- l'assunzione nella nuova azienda deve avvenire per le stesse o analoghe mansioni svolte presso l'azienda cedente;
- il passaggio diretto quale modalità per l'assunzione dei lavoratori disabili non deve costituire per l'azienda coinvolta la forma abituale o prevalente delle assunzioni obbligatorie.

3. L'assunzione nella nuova azienda avverrà con data successiva al rilascio del richiamato nulla osta.

4. Il datore trasmetterà all'Ufficio , con apposito modulo "Comunicazione di avvenuta assunzione", la data dell'assunzione e la forma contrattuale utilizzata. Il precedente datore comunicherà la cessazione del rapporto di lavoro.

5. La computabilità nella quota di riserva del lavoratore acquisito tramite passaggio diretto sarà conteggiato nella parte nominativa, anche in deroga ai limiti percentuali previsti dalla norma.


W3C Member  Sito Ufficiale del W3C  Validato CSS
FE4